Scheda del libro

Donatella De Lisi, Eva Gebhardt, Luca Giorgini, Andrea Raballo

Dismorfofobia

Quando vedersi brutti è patologia

Cosa si nasconde dietro la convinzione, ostinata e incomprensibile per gli altri, di essere brutti? Quando una preoccupazione per il proprio aspetto fisico smette di essere normale e diviene malattia? E come affrontare l’orrore che queste persone provano verso se stesse tanto da rovinarsi la vita fino all’isolamento e a farsi del male? La dismorfofobia sta assumendo una dimensione sociale sempre più evidente, come dimostrato dalla larga diffusione di interventi di chirurgia estetica non più solo tra attrici, modelle e personaggi pubblici, ma anche tra persone comuni di tutte le età. Trattamenti che si rivelano spesso frustranti e fallimentari perché si cerca di correggere un presunto difetto fisico invece che intervenire a livello psicologico. Questo libro, grazie a un metodo scientifico ma con un linguaggio accessibile a tutti, spiega perché la bruttezza fisica in realtà non esiste e come con la psicoterapia sia possibile ritrovare la propria bellezza unica e originaria.

Allegati

Video

  • "Conoscere per crescere" presentazione della Collana Bios Psychè Adolescenza a Più Libri Più Liberi - 9 dicembre 2017


/files/libri/207/large_207.png

Informazioni

Collana:
Bios Psychè Adolescenza

Eventi collegati

Anoressia e Dismorfofobia

25/11/2017
Centro Danza Mimma Testa
via di San Francesco di Sales, 14 - Roma

Dismorfofobia

11/04/2017
Ibs + Libraccio
via De' Cerretani, 16R - Firenze

Anoressia e Dismorfofobia

22/07/2017
Cavea del Parco Nazionale del Circeo
Cavea del Parco Nazionale del Circeo - Sabaudia